Progetti speciali

È dal confronto costante con clienti all'avanguardia nel loro settore e dal contatto con istituti di ricerca ed eccellenza che ci supportano e ci danno uno stimolo costante a fare passi in avanti, che da sempre nasce spontanea la voglia di affrontare sfide costruttive che portino a innovazione e progresso. È così che da anni ci prestiamo ad eseguire lavori ad alto livello di innovazione che si presentino inizialmente come sfide tecnologiche il cui superamento porta all'acquisizione di metodi e capacità da riportare nel quotidiano.


Optical Telecomunication Payload

Optical Telecomunication Payload

campo di applicazione: Ottica per telecomunicazioni

caratteristiche: Sistema di comunicazione in banda ottica costituito da due elementi Lanciatore-Ricevitore di apertura 200mm e focale 800mm con elettronica e meccanica per l'inseguimento e puntamento. Al posto dell’oculare di visione è stato inserito un gruppo prisma composto da un prisma retto e da un cubo beam splitter cementati insieme. Questo è collegato ad un gruppo emettitore costituito da una waist relay lens, un rifocheggiatore, una lamina con la separazione tx-rx delle lunghezze d'onda e un collimatore. Nel gruppo ricevitore dalla lamina con il dicroico per il piegamento a 30° i fasci vengono indirizzati verso un’ottica di focalizzazione da parte di uno specchio totale. Il gruppo composto dalla lamina dicroica e dallo specchio totale costituisce una losanga che può essere allineata con precisione in una cavità interferometrica.

Prisma di GIANO

Prisma di GIANO

campo di applicazione: Ricerca Astronomica

caratteristiche: Prisma dispersore di 200x200mm in ZnSe con spessore al bordo di 15mm per lo Spettrometro GIANO collocato al Telescopio TNG, presso l'isola di La Palma. Questo prisma è uno dei tre prismi dispersori utilizzati nel sistema TMA dello Spettrometro GIANO. GIANO è uno spettrometro criogenico a dispersione trasversale che lavora alle lunghezze d'onda del vicino IR (0.9-2.5 micrometri). Il fascio collimato con diametro 100 mm incide su di un reticolo dispersore commerciale di tipo Echelle da 23.2 lines/mm. La dispersione trasversale è ottenuta mediante prismi che oltretutto lavorano in doppio passaggio. Vedi SPIE Proceeding “The spectrometer optics of GIANO-TNG” S. Gennari, I. Mochi, S. L. Donati, E. Oliva, L. Origlia, P. Sandri.

Flangia monolitica in quarzo per camera a vuoto

Flangia monolitica in quarzo per camera a vuoto

campo di applicazione: Componente per Alto Vuoto

caratteristiche: Flangia per camera a vuoto utilizzata come interfaccia fra pompa e camera, parte integrante di uno spettroscopio atomico. La flangia è realizzata in Quarzo, lucidata in ogni superficie utile per prevenire l'innesco di punti di rottura. Nella costruzione la flangia è stata incollata con una lamina piana con la tecnica del silicate bonding che garantisce una resitenza meccanica elevata senza rischi di degasaggio dovuti a collanti, questo processo è stato eseguito in collaborazione con l'università di Perugia.

Filtro attenuatore per satellite GAIA

Filtro attenuatore per satellite GAIA

campo di applicazione: Osservazione dello spazio ( Satellite Payload )

caratteristiche: La BAM Density Assembly è stata realizzata da Gestione SILO per il programma spaziale relativo al Satellite GAIA. Il GAIA Payload Module (PLM) è composto da due telescopi - chiamati “ASTRO” telescopi - focalizzati su di un piano focale comune grazie ad uno specchio di piegamento e a un beam combiner. Il BAM Density Assembly è stato realizzato in Gestione SILO, sia il componente ottico che la struttura meccanica in tre assiemi: un modello ingegneristico più due modelli di volo. Il dispositivo di monitoraggio Angolo - il cosiddetto BAM - è incaricato di monitorare l'angolo tra la linea di vista dei due telescopi di GAIA PLM. I CCD che vengono utilizzati per questa misura viengono illuminati anche dalla luce dell stelle. Lo scopo del gruppo BAM è di attenuare l'irradianza delle stelle sul CCD mentre il segnale BAMonitoring utile è aumentato per mantenere un ottimo rapporto segnale-rumore.

Large Spherical Mirrors

Large Spherical Mirrors Large Spherical Mirrors

campo di applicazione: Energia solare

caratteristiche: Una fornace solare composta da 60 specchi esagonali che costituisce la "Plataforma Solar de Almeria", Spagna. Nella figura 3 dei 60 specchi esagonali (500mm.) montati su di una meccanica di test. Gli specchi sono piano-convessi, con profilo esagonale.
Diametro: 500mm.
Spessore al bordo: 15mm.
Raggio di curvatura: 4000+-20mm.
Lunghezza Focale: 2000mm.
Materiale: Borofloat
Coating: Protected Aluminium